LA STORIA

DAGLI ANNI 50 AD OGGI
La nostra prestigiosa storia motoristica ha radici lontane.

È il 1958 quando un gruppo di appassionati fonda a Maggiora quello che, all’epoca, è uno dei primi circuiti di Motocross in tutta Europa.
Già negli anni ’60 l’impianto è conosciuto a livello sia nazionale che internazionale, ma a partire dalla metà degli anni ’70 ottiene la consacrazione mondiale, grazie all’organizzazione del primo Motocross delle Nazioni (il più grande evento off road del mondo) e di numerosi Gran Premi.

Negli anni ’80 il circuito è ormai un riferimento globale per il settore,
infatti ospita altri due “Motocross delle Nazioni”: uno nel 1980 e l’altro nel 1986.
L’edizione del 1986 in particolare viene considerata ancora oggi, da appassionati e operatori di settore, il più grande evento di Motocross della storia. Tanto che, grazie a una straordinaria performance del Team USA e a un’affluenza di pubblico senza precedenti (50.000 presenze), si sostiene che la data del 21 settembre 1986 inauguri “l’era moderna” del Cross.

Durante gli anni ‘90, Maggiora continua a ospitare Gran Premi di successo (1990, 1992, 1995, 1997); nel 1999 si disputa l’ultima competizione, prima che la pista venga chiusa.

Storia-1-Tagliata
Arrow
Arrow
PlayPause
Slider

IL PROGETTO DI SCHAVA

LA RINASCITA
Nel 2011 la società Schava, guidata da Paolo Schneider e Stefano Avandero, rileva l’intera area per ricostruire e rilanciare il nuovo Maggiora Park.
Un ambizioso progetto di rinnovamento che porta all’inaugurazione, nel 2013, di quello che è, ad oggi, uno dei più grandi Action Sport Park d’Europa.

 

150.000

metri quadri di superficie

1.300

metri quadri di strutture fisse

200.000

metri quadri di aree parcheggio

60.000

capacità pubblico